Trekking Q 'na storia

Lamezia Terme racchiude un ricchissimo patrimonio storico e naturalistico da riscoprire.

I vicoli di Sambiase sussurrano ancora i versi del poeta Franco Costabile. Gli antichi vagli abbracciano i passanti, le chiese e i palazzi rivelano meravigliose decorazioni. Camminando verso sud-ovest, scorgendo anche il mare, si può ammirare un contesto naturalistico spettacolare.

Nel cuore del Parco Mitoio si nascondono i ruderi dell’Abbazia dei Quaranta Martiri. Il nome Caronte nasce proprio da una deformazione popolare di “quaranta”, nome delle antiche Terme. La fonte era già nota nel Neolitico e fu considerata sacra. Bruzi, Greci, Romani e Normanni vi si recavano per rigenerarsi dopo le battaglie. Ancora oggi è possibile immergersi in queste acque sulfuree godendo del loro potere benefico.

Caronte è anche un posto magico e misterioso. Nella sua “salita-discesa”, chiamata anche Salita del Diavolo, l’influenza gravitazionale sembra paradossalmente invertirsi…

 

In collaborazione con l'associazione "Cammini del Sud Calabria" e l'associazione lametina "Santi 40 Martiri", stiamo sperimentando un percorso trekking "Alla Scoperta di Sambiase e delle Terme di Caronte".

 

Tra i nostri sogni c’è Il Cammino di Gioacchino da Fiore, itinerario immerso nella Calabria incontaminata che, seguendo le orme de il calavrese abate di spirito profetico dotato, attraversando il Parco Nazionale della Sila, collega Lamezia Terme a San Giovanni in Fiore (Cs).