Info

ABBAZIA DI CORAZZO CARLOPOLI

 

Il progetto si prefigge la creazione di una “Impresa sociale” che rivesta la duplice funzione:

offrire opportunità di inserimento lavorativo a persone che vivono in situazioni di disagio economico-sociale e/o psichico, sperimentando nuovi percorsi lavorativi, in agricoltura forestazione, turismo sociale e valorizzazione beni ambientali.

ma soprattutto, di luogo di integrazione e di riferimento per la collettività dove i soggetti disagiati svolgano un ruolo da protagonisti, abbattendo così i pregiudizi inerenti il disagio. Favorendo, attività rivolte a mediare ed attenuare le problematiche relazionali ed emozionali che i soggetti riscontrano quotidianamente nella loro sfera familiare prima ancora che sociale ed a favorire l’incontro e lo scambio di conoscenze reciproche tra gli ospiti e la realtà sociale.

Descrizione: Il progetto “Gedeone” è nato grazie al connubio tra il Comune di Carlopoli e le Associazioni San Pietro e Paolo e New Day, per realizzare un percorso di agricoltura terapeutica, turismo sociale e di valorizzazione dei beni ambientali. In questo iter si cerca di favorire l’inclusione di persone con disabilità psichiche o che vivono situazioni di disagio economico e sociale di vario genere. Si tratta di uno dei pochi casi in cui esiste una forte sinergia e dialogo tra le istituzioni locali e il mondo associazionistico e del terzo settore.

 

PRIMO ANNO

  • 1536 ore di volontariato, 128 giorni di presenza in loco
  • più di 2000 visitatori accolti, circa 200 visite guidate effettuate da
  • tra gli incontri sostenuti, quelli ormai divenuti sistematici per il progetto che coinvolge i GAL calabresi, “Insieme non per C.A.S.O.”, quelli con il “Centro Internazionale di Studi Gioachimiti” di San Giovanni in Fiore e quelli “solidali” all’interno del GAS “Vitti ‘na vozza” di Lamezia Terme;
  • prima sessione di “Yoga della Risata” a Corazzo tenuta dall’associazione di promozione sociale “Promethes” di Carlopoli;
  • inclusione dell’Abbazia di Santa Maria di Corazzo nell’associazione internazionale “cister.eu”, "Charte européenne des Abbayes et sites cisterciens", sito delle abbazie cistercensi d'Europa;
  • un concerto organizzato in collaborazione coi i ragazzi del “Centro culturale Castagna”: erano 4 anni che Corazzo non ospitava un evento serale;
  • l’annuale messa della Madonna di Corazzo del 10 settembre e quella del giorno successivo di San Bernardo di Decollatura
  • un’opera d'artigianato unica al mondo, la miniatura in pietra dell’Abbazia di Santa Maria di Corazzo è stata acquistata dal Progetto per avviare un percorso turistico destinato alle persone non vedenti;
  • il gruppo scout “Lamezia Terme 8” della parrocchia San Domenico, nel corso del suo campeggio estivo, ha potuto sperimentare il risultato dei primi interventi effettuati da Gedeone
  • adibito un impianto d’irrigazione lungo 650 metri, 200 balle di fieno raccolte,messi a dimora 30 alberi, 5000 piantine di origano, 800 bulbi di zafferano e 100 di tulipano.

 

 

Per il 2015 Gedone sogna di:

 

raddoppiare le produzioni agricole e di avviarne delle nuove, soprattutto in direzione del recupero delle erbe officinali;

 

trasformare l’ex centro sportivo polivalente in una piccola foresteria per regalare ai turisti un soggiorno con panorama abbaziale;

 

garantire maggiori servizi ai visitatori e nello specifico installare almeno un bagno chimico nei pressi del Bene Archeologico;

 

effettuare la ripulitura lungo il corso del fiume Corace, ove le sterpaglie nascondono mulini direttamente collegati alla storia della Badia, da riscoprire con passeggiate guidate;

 

collocare passerelle in legno all’interno dei Ruderi per consentire l’accesso alle persone con disabilità motoria;

 

proseguire la collaborazione con il CSM del Reventino attraverso l’impegno dei ragazzi con disagio psichico nelle attività agricole ricreative;

 

installare pannelli descrittivi, anche in linguaggio braille;

 

avviare il turismo sociale in Abbazia e la pet therapy, in particolare l’onoterapia;

 

arricchire le visite guidate attraverso la creazione di nuovi personaggi ;

 

moltiplicare souvenir, cartoline, libri e prodotti locali da offrire ai visitatori;

 

proseguire la collaborazione con le scuole locali, come quella già avviata con il Liceo Scientifico di Soveria Mannelli;

 

inaugurare un parco letterario dedicato a Gioacchino da Fiore, abate a Corazzo dal 1077 al 1088;

 

organizzare un’area giochi per la stagione primaverile ed estiva con tiro con l’arco, scacchi, skike pattinaggio outdoor, Ygolf , paintball e softair,

 

Troppo? “Siamo realisti, esigiamo l’impossibile!”

 

Il 2015, anche senza la realizzazione di tutti questi propositi, sia comunque un altro anno speciale per Corazzo. Gedeone ce la metterà ancora tutta. Anche perché fermo, in quel luogo da favola, proprio non ci sa stare…

 

Roberta Gigliotti

Copyright © All Rights Reserved